martedì, giugno 24, 2008

Gli indizi della presenza di acqua su Marte erano numerosi e ora si ha finalmente la prova definitiva, alcune foto scattate dalla Phoenix Mars Lander. La notizia è stata data da Peter Smith, uno degli astronomi che coordinano la missione della Phoenix, in occasione di una conferenza stampa della Nasa.

La Phoenix Mars Lander, dopo aver scavato per alcuni centimetri sul suolo marziano, ha rinvenuto dei frammenti di ghiaccio che, una volta dissotterrati, sono evaporati nel giro di quattro giorni. Inizialmente gli scienziati non riuscivano a comprendere se si trattasse veramente di ghiaccio o di sale, la serie di foto scattate dimostrerebbero però che si trattava di ghiaccio che poi è evaporato.

Mike Mellon, uno dei ricercatori a capo della missione Phoenix, durante la conferenza stampa ha evidenziato che solo il risultato delle analisi potrà dare la prova definitiva ma le foto scattate nella buca battezzata "Dodo-goldilocks" sono molto eloquenti.

Attualmente la sonda sta analizzando alcuni campioni dello strato di terra superficiale, i risultati saranno inviati verso la Terra fra qualche giorno. Ora, per stabilire una volta per tutte se su Marte c'è acqua, non ci resta che attendere i risultati delle analisi.

simone

5 commenti:

alessio ha detto...

bellissimo il sito collegato a "marte"... vi consiglio di visitarlo.

Anonimo ha detto...

la cosa che mi chiedo è, perchè nessuno ne parla in tv?
non è una grandissima scoperta sapere che il pianeta piu' vicino a noi ha dell'acqua!
e dove c'è acqua c'è sempre vita...

quindi si potrà parlare di alieni riconosciuti dalla scienza!
sarà un grande passo in avanti

simone

alessio ha detto...

alieni? eh eh... direi forme batteriche extraterrestri... o comunque forme di vita extra terrestre...

Ormai parole come "alieni", "marziani" o "ufo" hanno assunto un'altra accezione.. del tutto negativa e pseudo scientifica.

Comunque sì, chissà perchè non se ne parla in tv.

Anonimo ha detto...

altra news importantissima su marte:

"Abbiamo trovato ciò che sembrano essere i requisiti, cioé le sostanze nutrienti per sostenere la vita nel passato, nel presente o nel futuro", ha dichiarato lo scienziato Sam Kounaves.

Questo non significa che esista la prova della esistenza in passato di vita sul Pianeta Rosso.

"E' il tipo di suolo che potrebbe essere trovato nel vostro giardino, ricco cioé di sostanze alcaline - ha detto lo scienziato - E' un suolo dove potrebbero crescere degli asparagi. Sono dati molto eccitanti per noi"

senza parole

simone

Marco tartaruga ha detto...

Su Marte c'è molto altro...
ti ricordi, Simò, quelle foto sconvolgenti che mi avevi fatto vedere?